Crea sito
RSS Feed

Incontro di calcio: Carabinieri contro Avis

29 maggio 2011 by Maria Luisa 3.624 Comments »

Si inserisce nella Giornata Mondiale Senza Tabacco, indetta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’incontro di calcio Carabinieri contro Avis, organizzato per martedì 31 maggio alle ore 18,00, presso lo stadio comunale Baldassare Sinopoli di Soverato. La nobile causa della beneficenza è l’artefice di questa competizione sportiva: una raccolta fondi a favore della LILT, lega italiana lotta Italiana contro i tumori. Per questo, dal 24 al 31 maggio, la LILT torna nelle principali piazze italiane con migliaia di volontari, per sensibilizzare i cittadini su un tema importante per la salute di tutti, per informare, consigliare e distribuire l’utilissima guida sull’argomento e cosa e come fare per smettere di fumare. La LILT è sempre pronta ad accogliere le richieste di aiuto per smettere con la sigaretta. Oltre 60 mila fumatori sono già stati seguiti nei vari centri territoriali, dove un’equipe di medici e psicologi fornisce informazioni sui danni del fumo attivo e passivo, indicazioni sui centri specializzati, sviluppa programmi di sostegno telefonico per i fumatori che desiderino smettere. L’Arma dei Carabinieri e l’associazione Avis, con la loro partecipazione attiva, confermano ancora una volta, sensibilità e attenzione alle varie problematiche della società. La comunità è invitata a partecipare numerosa all’incontro di calcio del 31 maggio, per sostenere con un’offerta volontaria questa nobile causa e, per i fumatori, è un’ulteriore occasione per riflettere sul fatto che la salute è un bene prezioso che va mantenuto e curato quando c’è. Arbitro d’eccellenza della partita Carabinieri contro Avis, sarà Antonio Reppucci, prefetto di Catanzaro. La partita sarà trasmessa in diretta sull’emittente locale Soverato1 Tv. – Maria Luisa Iezzi

 

Rocco Buttiglione – ex allievo di Don Bosco

6 giugno 2010 by Maria Luisa 4.475 Comments »
 

Rocco Buttiglione – ex allievo di Don Bosco

1 giugno 2010 by Maria Luisa 3.434 Comments »



“L’ex allievo di don Bosco testimone di valori in una società pluralistica e relativista”. Questo il tema del convegno, organizzato dall’Unione Ex allievi di Don Bosco di Soverato, che si è tenuto presso la Sala “Don Pilla” dell’Istituto Salesiano alla presenza di un’assemblea davvero partecipata, relatore un ex allievo di prestigio: Rocco Buttiglione, Presidente dell’Unione di Centro. Il saluto di apertura è stato dato dal parroco di Soverato, Don Tobia Carotenuto e dal Presidente degli ex allievi di Soverato, Francesco Illiano. La presenza di Rocco Buttiglione è stata rigorosamente in veste di ex allievo salesiano. Buttiglione ha parlato della fede cristiana attraverso la storia, nella quale ci sono diverse espressioni spirituali, diversi spunti cristiani, e diverse storie di santità. L’albero genealogico del cristianesimo passa anche attraverso le storie di santità (come Don Bosco), storie che hanno segnato e segnano la vita dei cristiani. Io, dice Buttiglione, sono cresciuto nella tradizione delle radici cristiane. Nelle mie reminescenze di educazione salesiana sottolineo quanto è importante cercare dei buoni amici, stare sempre vicino a qualcuno che offre la possibilità di apprendere, ricordando che l’esperienza di chi è già passato attraverso le prove della vita, offre insegnamento. I giovani spesso abbandonano i sogni con la giustificazione che tanto sanno che non li raggiungeranno mai, non è così dice Buttiglione: i sogni possono diventare realtà se vengono perseguiti con un cammino che dura una vita. Buttiglione ha parlato della necessità, oggi più che mai, del metodo educativo e delle sue regole: bisogna saper selezione i propri desideri per capire cosa vuoi veramente e cosa scegliere; la capacità di condurre i giovani dentro la realtà. Il relativismo rende passivi, fare ciò che si vuole non produce risultati, diverso è farce ciò che si deve, uno stile che conduce al raggiungimento degli obiettivi secondo la capacità di scelta: se tutto è uguale a tutto, non si conclude nulla e non porta a nulla. Un’educazione cristiana integrale comprende anche la politica. Buttiglione ha citato la lettera di San paolo ai Corinti: Cristo è l’unico fondamento non c’è né altri, sulla base di questo, costruiamo. Lo spirito di Dio vuole che ognuno si assuma il rischio della presenza nella storia. Un rischio grande nella vita è proprio quello di non assumersi rischi. L’impulso della fede aiuta ad assumersi il rischio ed è chiaro che nessuno ha la verità in tasca perché nessuno è inerudibile. C’è una ripresa d’identità cristiana, e c’è un popolo cristiano, che non è rappresentato e moltissimi di questi non votano. La questione sociale è una questione antropologica. La società non riesce a motivare i giovani ad entrare nel cammino della vita. la questione sociale è importantissima. Una grande forza è non intimorirsi e non condividere senza sapere. Bisogna insegnare ai giovani, ha puntualizzato ancora Buttiglione, a non basarsi che, per riuscire nella vita e per trovare lavoro, bisogna avere “la raccomandazione”, è proprio questo che rende i ragazzi apatici, basandosi sul fatto che se ho la raccomandazione sono un vincente, se non la ho è inutile che mi impegno, non c’è la farò mai. I giovani devono capire invece che è necessario essere preparati, studiare, impegnarsi, leggere, questo permette il raggiungimento degli obiettivi. Anche l’idea di un’economia senza morale, secondo Buttiglione, è sciocca. È necessario trovare persone virtuose, tutti dicono la politica è una cosa sporca ed è vero, ma senza le nuove leve, senza voi giovani, non cambierà nulla. La politica, mai come oggi, ha bisogno dei giovani, ha bisogno di un aspetto educativo importante per troppo tempo trascurato, che è quello dell’educazione, ve lo dico come ex allievo salesiano. Il popolo cristiano cerca rappresentanti quindi dobbiamo leggere i segni di un tempo nuovo, cerchiamo di dare il nostro contributo cercando di dare un tempo nuovo.
Maria Luisa Iezzi

 

Ciao Mimì, mai nessuno come Te!: Cos’è un Blog?

16 maggio 2010 by Maria Luisa 8.258 Comments »

Ciao Mimì, mai nessuno come Te!: Cos'è un Blog?

 

7 febbraio 2010 by Maria Luisa 12.123 Comments »
Messa per i giornalisti a Soverato nella festa del patrono San Francesco di Sales.
Anche la parrocchia di Soverato ha reso omaggio ai giornalisti ed agli operatori dell’informazione e della comunicazione sociale cattolica, con una messa officiata dal parroco, Don Tobia Carotenuto nel giorno della festa del patrono dei giornalisti, San Francesco di Sales. Mai come in questo momento di continui mutamenti, ha affermato il Parroco nell’omelia, è necessario, per gli operatori del settore, avere un comportamento responsabile in linea con la missione di fede. La comunicazione ha un funzione edificante
se fatta nella verità e nella fede, ma, a volte, trascende nella distruzione. Non sempre tutto va detto, a volte, per il bene di tutti, va considerato fino a qual punto è necessario dire, che non significare nascondere o omettere, ma significa rispettare il bene, evitare sofferenze dolorose, là dove, la verità non porta vantaggio, è il caso di fermarsi considerando il limite dovuto. Questo atteggiamento è d’obbligo per i giornalisti cattolici, altri potrebbero adottarlo comunque per un insegnamento deontologico, una formazione individuale e sociale. È importante chiedersi, come giornalisti e come editori, cosa conta davvero e quanto delle notizie resta davvero nel cuore delle persone. Bisogna evitare che l’informazione sfoci nel sensazionalismo e nella ricerca di notizie e titoli forti. La stessa Fede è comunicazione, e tutti noi credenti siamo operatori della comunicazione di Fede nella Fede. San Francesco di Sales scriveva dei messaggi religiosi su dei foglietti, che poi provvedeva a far scivolare sotto gli usci delle abitazioni, o incollandoli ai muri. Per questo è stato eletto patrono dei giornalisti, e lo è anche per tutti quanti operano con mezzi di diffusione di massa, proprio per il fatto che egli stesso si è adoperato in tal senso inventando quello che oggi si può chiamare “volantinaggio”. Presenti alla funzione giornalisti ed operatori di varie testate giornalistiche ed emittenti televisive locali.
Maria Luisa Iezzi
 

Ciao Mimì, mai nessuno come Te!: Cos’è un Blog?

by Maria Luisa 11.853 Comments »
 

Ciao Mimì, mai nessuno come Te!: Intervista al Sindaco di Squillace, Guido Rhodio.

by Maria Luisa 10.636 Comments »
 

Ciao Mimì, mai nessuno come Te!: Serata di Beneficenza a Soverato organizzata dalla CONSAP e dalla LILT

by Maria Luisa 8.603 Comments »
 

Ciao Mimì, mai nessuno come Te!: Conferenza sulle Radici Cristiane dell’Europa presso il Salone Don Bosco di Soverato

by Maria Luisa 3.483 Comments »
 

Ciao Mimì, mai nessuno come Te!: La lotteria del “Natale in Corso” si conclude con la Notte Bianca Live

by Maria Luisa 4.338 Comments »
 

Ripristinata la StraDonBosco a Soverato – un vero successo

3 febbraio 2010 by Maria Luisa 11.614 Comments »
Nella ricorrenza di San Giovanni Bosco, con autentico spirito salesiano, si è ripresa a Soverato, la “StraDonBosco”, corsa sportiva che si celebrava molti anni fa in Soverato. Grandi e piccini, adulti e nonni, famiglie ed educatori, si sono ritrovati insieme, tra sport e spirito salesiano, a concorrere alla “StraDonBosco”. La giornata che, meteorologicamente parlando non è stata tra le migliori, ha visto un’affluenza davvero molto numerosa. Neanche la pioggia intermittente ha fermato gli aspiranti corridori. Previste soste di rifornimento e supporti-antipioggia, un’organizzazione perfetta il cui merito va al direttore dell’oratorio salesiano Don Giovanni Cantatore, tra l’altro anche speaker della gara, giovane sacerdote salesiano davvero molto amato dai suoi ragazzi. La premiazione si è tenuta nel salone Don Bosco della parrocchia di Soverato. Un pubblico davvero tanto numeroso ad applaudire amici, figli, genitori, nonni, insomma ogni grado di parentela, ma anche persone che svolgono nella vita i lavori più diversi. Molto bello questo tipo di unione, nel vero spirito di Don Bosco, che esula da ogni tipo di classismo. Sono stati consegnati diversi premi, proprio per rivolgere un pensiero di attenzione verso tutti, queste le categorie premiate: Pasquale Gioffrè, adulti; per la categoria ragazzi così suddivisa: M. Squillace – fanciulli, F. Curcio – adolescenti, G. Neri – adulti; Iacopo Curcio – piccoli; Calderoni, categoria famiglia; F. Battaglia, il più anziano; F. Suriani, la più anziana; M. Santise, la più piccola (3 mesi), A. Maellare premio simpatia, D’Amato Salvatore, l’ultimo classificato. La manifestazione è stata patrocinata dall’amministrazione comunale. Hanno consegnato i premi: il sindaco, Raffaele Mancini; il Presidente del Consiglio Comunale, Giancarlo Tiani; l’assessore alle Attività Produttive, Maurizio Gioviale; a fine cerimonia l’assessore allo sport, Antonio Matozzo.
Maria Luisa Iezzi
 

La lotteria del “Natale in Corso” si conclude con la Notte Bianca Live

26 gennaio 2010 by Maria Luisa 7.299 Comments »
Notte bianca il prossimo fine settimana a Soverato, tutti svegli per assistere alla conclusione della lotteria “Natale in Corso” ideata dall’Associazione Soverato Shopping. Sabato, 30 gennaio dalle ore 17,30 a mezzanotte, serata di musica Soverato Live Shopping, intrattenimento in attesa dell’estrazione dei 12 biglietti vincenti. Si tratta di biglietti-bonus da spendere presso i negozi che fanno parte dell’associazione: 2.500 € il primo premio, 1.500 € il secondo, 1000 € il terzo, e via a scendere. L’estrazione avverrà intorno alle 20,00 sul megapalco che sarà collocato su Corso Umberto all’inizio dell’imbocco di Via Amirante. La viabilità sarà destinata esclusivamente ai pedoni, per tutta la durata dell’evento, nel tratto che va dall’inizio di Corso Umberto (all’altezza del passaggio a livello) alla fine di Via Pisani. I negozi resteranno aperti fino a mezzanotte. I gestori di ristoranti e pizzerie si sono impegnati con l’associazione per effettuare dei prezzi ridotti in questa serata particolare. Diretta radiofonica presentata da Paolo Sia di Radio Studio 54 e Frank Teti di Radio Valentina. Diverse le band emergenti presenti, tra le altre: Quartaumentata, Parafoné, Caudans, Marasà, Ciao, Figli di Maddalena. Alla conferenza stampa erano presenti il sindaco, Raffaele Mancini, il vice sindaco, Teo Sinopoli e gli assessori Maurizio Gioviale, Sonia Munizzi, Antonio Rattà; per l’Associazione Soverato Shopping: Francesco Cardamone, Gerardo Corapi, Giovanni Sgrò, Paolo Sia, Gray per la direzione artistica, Vittorio Puntieri e Frank Teti. Sinopoli ha espresso grande apprezzamento per i risultati raggiunti da questa vincente iniziativa, invitando tutto il gruppo a restare coeso e continuare l’ottimo lavoro svolto, dimostrando, come in effetti è avvenuto, che a volte, i risultati si possono ribaltare. L’associazione sforna ancora idee brillanti che proseguiranno in parallelo con i quartieri. Possiamo affermare che è stata un’esperienza unica, ha proseguito il vice sindaco, che si concluderà con una brillante serata musicale in grande stile. I commercianti di Soverato, finalmente, hanno capito che per essere vincenti, bisogna essere uniti. L’assessore Munizzi ha lodato il risultato sinergico degli operatori, in questo caso i commercianti, con l’amministrazione, risultato che ha dato grande lustro a Soverato. Molti gli eventi che con costanza si svolgono nella nostra città: conferenze, convegni, impegni e attività istituzionali; Soverato, ha proseguito l’assessore Munizzi, non vive ma stravive, grazie anche alla nostra amministrazione provinciale che ci ha sempre sostenuto. L’assessore Rattà ha ribadito che il merito di un successo non è mai individuale ma di un’intera squadra. Il sindaco Mancini ha riconosciuto l’eccellente risultato dell’iniziativa dei commercianti che ha avuto un’eco notevole anche fuori Soverato, addirittura presa a modello. Così come un eccellente risultato è stato la chiusura del corso, noi amministratori non ne eravamo molto convinti, ma, ci siamo dovuti ricredere. La chiusura del corso non continuativa ha portato ad ottimi risultati. L’importante è individuare le giornate giuste (orario passeggio-shopping), un suggerimento che forse potrebbe essere indicativo anche per la città di Catanzaro, che, in questo momento, vive una contestazione cittadina proprio per la nuova decisione di una chiusura stabile del corso alla viabilità. Paolo Sia, portavoce dell’Associazione Soverato Shopping, ha detto che non è stato facile mettere insieme ben 175 commercianti, ma è stato possibile grazie alla volontà ed allo spirito di collaborazione di tutti. Oggi siamo rincuorati e incoraggiati dai risultati che abbiamo ottenuto, una bella differenza rispetto allo scorso anno. Ringraziamo anche coloro che sin dall’inizio ci hanno sostenuto e creduto in noi: la Camera di commercio di Catanzaro, il Gaal delle Serre Calabresi, l’amministrazione comunale di Soverato: “Natale in Corso” non è un punto di arrivo ma un punto di partenza. L’assessore Gioviale ha concluso ringraziando tutti con l’augurio che questo non sia il primo dei concorsi e non l’ultimo, visti i risultati apprezzati all’unanimità.

Maria Luisa Iezzi